Scuola di formazione del Prc e dei Gc di Parma

infografica scuolaLa scuola di formazione politica “Nient’altro che le catene” è aperta a tutti, organizzata da Partito della Rifondazione Comunista e dai Giovani Comunisti di Parma in collaborazione col Dipartimento nazionale Formazione del Partito della Rifondazione Comunista.

PER PARTECIPARE AL CICLO DI INCONTRI, VI INVITIAMO A COMUNICARE LA VOSTRA ADESIONE AL PIU’ PRESTO INVIANDO UNA MAIL A: info@prcparma.it

E’ prevista una quota d’iscrizione di 20 euro.
(10 euro per disoccupati e studenti)

Gli incontri si terrano da gennaio a giugno 2015, con una cadenza di circa 20/25 giorni, in orari serali, in modo da consentire a tutti la partecipazione.

Date, orari dei successivi incontri e ulteriori dettagli saranno comunicati via mail.

Per ciascuno degli argomenti trattati verrà fornito materiale di approfondimento e una bibliografia di riferimento.

PROGRAMMA COMPLETO DEGLI INCONTRI

1)TITANIC EUROPA E CRISI DEL CAPITALISMO
Come e perché l’ideologia monetarista e l’austerity stanno distruggendo l’Europa.

– I patti jugulatori (dal trattato di Maastricht al Fiscal Compact)
– La critica “moderata” all’architettura economico-sociale dell’Ue: Krugman e Stiglitz
– Meriti e limiti del “Nuovo pensiero economico” americano opposto al liberismo assoluto della “Scuola di Chicago”
– L’Altermondialismo, ‘Occupy Wall Street’, gli “Indignados”
– La questione dell’Euro
– La critica “radicale” al monetarismo e all’oligarchia finanziaria che governa l’Europa
– Fenomenologia della crisi e rapporti di produzione: l’uovo del serpente (rileggere Carl Marx)

2) CAPITALE E LAVORO

Le trasformazioni del mercato del lavoro e del giuslavorismo dal dopoguerra ad oggi.

– Legislazione e contrattazione
– Lo Statuto dei diritti dei lavoratori
– Il “Lodo Scotti”
– Il “pacchetto Treu”
– Il “libro bianco” di Marco Biagi
– La “Legge 30” e lo svuotamento dell’art.18
– L’ “articolo 8” dell’ultimo governo Berlusconi
– Il colpo di maglio di Mario Monti e la legge Fornero
– Il “Job Act”

3) FEMMINISMO
Pensiero e pratiche del femminismo in Italia.

– Omofobia, sessismo e discriminazione
– Disuguaglianza e diversità
– Il partito e la questione femminile oggi

4) CLASSE
Capitalismo, borghesia industriale e proletariato nell’epoca della globalizzazione liberista in Italia.

– Trasformazioni produttive, organizzazione del lavoro, forme dello sfruttamento, proletarizzazione e nuova composizione di classe
– Proletariato moderno e politica delle alleanze
– I movimenti
– Leaderismo e populismo
– La sinistra e la forma partito

5) AMBIENTE
Il paradigma ecologico.

– Prodromi di una catastrofe planetaria annunciata
– Verso l’entropia
– La finitezza del mondo e l’intrinseca miopia dell’accumulazione capitalistica
– Il Trattato di partenariato transatlantico e i suoi antecedenti storici
– La “mitologia” del pil spacciato per indicatore sensibile del benessere sociale
– Decrescita o nuovo modello di sviluppo?
– Il concetto di natura in Marx

6) COSTITUZIONE
Il tema della proprietà nella Costituzione repubblicana.

– Il dibattito nella prima sottocommissione della “Costituente”: l’intervento di Palmiro Togliatti
– Il titolo III della Costituzione che disciplina i “Rapporti economico sociali” e le forme della proprietà nell’Italia repubblicana post-resistenziale
– L’interesse sociale come “prius”
– Berlinguer, 1977, un’altra idea di ‘austerità’: “Cosa e per chi produrre”
– La rivoluzione come autogoverno dei produttori associati
– Essere e avere: critica del consumismo e del modo capitalistico di produzione
– Il concetto di demercificazione

7) MOVIMENTO
La riscossa del ‘68-’69: il secondo “biennio rosso”.

– La stagione dei consigli di fabbrica e il sindacato
– Coscienza di classe e coscienza politica di classe
– Sindacato e partito, partito e movimento
– Le ragioni del riflusso

8) PARTITO
Per una teoria del partito politico.

– Il concetto di partito politico
– Partito e società civile
– Politica e cultura
– Partiti, ideologie, interessi
– Parte e totalità
– Masse e quadri nel partito politico
– Patologia del partito politico
– Dirigenti e diretti
– Il partito a) di Lenin; b) di Stalin, b) di Gramsci
– Il caso italiano
– Conoscere e organizzare
– Partito e istituzioni statali
– Il caso americano
– Il caso sovietico
– Rappresentanza e popolo
– Burocratizzazione e apatia
– Partiti e oligarchia
– Democrazia rappresentativa e democrazia diretta

9) COMUNISTI, OGGI
Attualità della rifondazione comunista.

– L’apologo brechtiano del “Sarto di Ulm”
– Il socialismo “realizzato”: il partito e lo Stato, proprietà statale e proprietà sociale, democrazia e socialismo
– I comunisti e l’Unione sovietica
– C’è una terza via fra modello sovietico e socialdemocrazia?
– Il comunismo: profezia o movimento reale?
– La “guerra di posizione”: una strategia per la rivoluzione in Occidente

Attraverso questo ciclo di incontri ci piacerebbe riuscire a fornire ai/alle compagni/e che vorranno parteciparvi, uno strumento di crescita personale oltrechè un’occasione riflessione collettiva, di approfondimento e di confronto politico, quanto mai necessari, a sinistra e fra comunisti.
Pensiamo che per lottare contro il capitalismo in crisi, sia necessario comprenderne le dinamiche, riprendendo in mano e affinando gli strumenti di analisi propri della nostra cultura politica, con spirito critico, rifuggendo inutili autofobie, da un lato, e sterile dogmatismo dall’altro.
Ovviamente questo corso non ha la pretesa di essere esaustivo e vuole essere da stimolo anche, e soprattutto, per un percorso di approfondimento individuale. Tanti e diversi possono essere i temi da trattare; ne abbiamo fatto una selezione per questa prima edizione della “scuola”, ma, ci auguriamo, sia solo la prima di una lunga serie. Vi invitiamo ad avanzare proposte e suggerimenti, utili anche per le future edizioni.

Vi invitiamo ad inviarci, al più presto, le vostre isrizioni.

“I proletari non hanno nulla da perdere all’infuori delle loro catene: essi hanno un mondo da guadagnare. Proletari di tutti i paesi unitevi!” – Karl Marx

#SpezziamoLeCatene

Commenta questo articolo!

Loading Facebook Comments ...

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Required fields are marked *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>